lunedì 2 maggio 2016

Primo maggio in solidarietà a curdi e migranti

Ieri, primo maggio, qualche centinaio di compagni e compagne provenienti da diverse regioni italiane hanno sfilato a Roma, in solidarietà ai migranti e alla resistenza del popolo curdo contro ISIS e governo Erdogan, che proprio ieri si è reso responsabile dell'ennesima uccisione di un manifestante, travolto da un mezzo della polizia, a Istanbul.

Il corteo, circondato da uno spiegamento di forze dell'ordine obiettivamente esagerato, è passato vicino l'ambasciata turca che è stata oggetto di un simbolico lancio di uova di vernice rossa. Sono state poi apposte nelle vicinanze due grandi scritte, "Erdogan terrorist" e "Erdogan boia", prima di proseguire senza intoppi il cammino fino a Porta Pia.

Una delegazione della sezione romana del PCL ha partecipato al corteo, la nostra posizione al riguardo è chiara: apertura delle frontiere ai migranti che scappano da guerra e miseria, pieno sostegno alla lotta dei proletari e rivoltosi curdi e turchi contro Erdogan e integralismo islamico, per una rivoluzione socialista in tutto il Medio Oriente contro fondamentalismo islamico e mire imperialiste dell'occidente.





Partito Comunista dei Lavoratori - Roma

Nessun commento: